Gli interrogativi di una paziente (che è anche medico)

Che cosa succede quando un medico si trova ad essere anche un paziente? Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di una nostra lettrice che sottolinea come la medicina non sempre possa fornire risposte certe e immediate a casi personali che possono essere molto complessi.

Leggi tutto...

L’Odissea di un paziente pugliese per il rinnovo del piano terapeutico

GP abita a Bari ed è in terapia anticoagulante orale con uno dei nuovi NAO da tre anni. Qualche settimana fa, prima della scadenza del piano terapeutico annuale, si reca dal cardiologo della sua ASL con tutti gli esami necessari, ma viene respinto...

Leggi tutto...

Caravaggio, un ricercatore italiano?

Il gruppo di ricercatori guidato dal Professor Agnelli ha da poco pubblicato il protocollo dello studio Caravaggio (“Apixaban versus Dalteparin for the Treatment of Acute Venous Thromboembolism in Patients with Cancer”), promosso dall’Università di Perugia...

Leggi tutto...

ASPREE 1-2-3: Implacabile ridimensionamento dell’aspirina per la prevenzione del rischio cardiovascolare

Fine di una leggenda. O forse solo di un mito che ci siamo creati da soli. Ci si è via via sgretolato tra le mani un bel giocattolo. Il farmaco che doveva, a basso costo ed a basso rischio, prolungare la vita è crollato miseramente sotto una serie di colpi implacabili.

Leggi tutto...

Nel corso dell’ultimo Congresso dell’American Society of Hematology che si è svolto lo scorso dicembre ad Atlanta (USA) sono state presentate varie comunicazioni di interesse clinico nel campo della malattia tromboembolica; ne menzioniamo alcune che ci sembrano rilevanti.

Annatina Schnegg-Kaufmann ha presentato i dati della coorte svizzera SWITCO65+, in cui sono stati analizzati i fattori di rischio di recidiva di tromboembolismo venoso in una coorte di 864 pazienti. Coloro che presentavano livelli aumentati di Growth arrest-specific gene 6 (Gas6), una molecola con funzioni emostatiche ancora poco note, all’esordio presentavano un rischio di recidiva fino a cinque volte maggiore, a differenza dei livelli di D-Dimero. Questo dato, se confermato, potrebbe aprire un nuovo interesse verso i fattori predittivi di ricorrenza.

Jordan Schaefer ha analizzato i dati di una coorte di 6.572 pazienti del Michigan con lo scopo di valutare se l’associazione ASA+warfarin rappresentasse un fattore di maggior rischio emorragico nei pazienti che assumevano ASA senza una precisa indicazione. Si trattava di pazienti più anziani, con maggior numero di fattori di rischio vascolari e score HAS-BLED più elevato. Questi pazienti avevano un rischio significativamente più elevato di eventi emorragici maggiori e minori, senza un apparente beneficio se non un minor tasso apparente di eventi tromboembolici venosi.

Marc Carrier ha presentato un’analisi economica nell’ambito dello studio EINSTEIN-CHOICE, che dimostra come la terapia continuata rivaroxaban 10 mg o 20 mg sia associata con minori costi totali di trattamento degli eventi clinici se confrontata con l’aspirina; i costi totali sono però a favore dell’ASA e potrebbero tornare a vantaggio di rivaroxaban con una negoziazione di sconto di rivaroxaban di almeno il 15% rispetto al prezzo di marketing statunitense del 2016.

Holger Schünemann ha valutato attraverso una meta-analisi individuale di 7 studi randomizzati la capacità predittiva dello score di Khorana a identificare i pazienti a maggior rischio trombotico. Sono stati analizzati i dati di 3403 pazienti randomizzati a placebo; questi hanno presentato a sei mesi un rischio trombotico pari a 9.8% nel gruppo ad alto rischio, 6.4% in quelli a rischio intermedio-basso. La capacità predittiva era largamente determinata dai pazienti con tumore solido non polmonare, poiché nei casi polmonari la capacità discriminativa era molto bassa.

Adi Klil-Drori ha presentato i dati di uno studio su 26.357 pazienti con FA, di cui 4.273 con insufficienza renale cronica. Nei pazienti in terapia anticoagulante con NAO, i tassi di ospedalizzazione per insufficienza renale acuta erano tutti inferiori ai pazienti in terapia con warfarin, sia in assenza che in presenza di pregressa insufficienza renale cronica. Questi dati sembrano meritevoli di ulteriori studi.

Alberto Tosetto

Dirigente medico, Divisione di Ematologia, Ospedale S. Bortolo, Vicenza

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR

INFORMAZIONE GRATUITA

CENTRI TROMBOSI

Cerca il centro Trombosi più vicino a te consultando il nostro elenco.

Vedi...

ASSOCIAZIONI PAZIENTI

Cerca il centro A.I.P.A. più vicino a te consultando il nostro elenco.

Vedi...

 
 
VIDEO NEWS
 
 
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa