Il matrimonio può allungare la vita: non solo ha un ruolo positivo sulla vita di chi ha avuto un attacco di cuore, ma anche sulla sopravvivenza di chi è affetto dai principali fattori di rischio cardiovascolare, come ipertensione, diabete e ipercolesterolemia.

Lo dimostra uno studio inglese, condotto all'Aston Medical School di Birmingham tra il 2000 and 2013, per valutare se lo stato civile avesse un'influenza sulla sopravvivenza dei pazienti affetti dai principali fattori di rischio cardiovascolare o che avevano avuto un attacco cardiaco.

Lo studio ha preso in esame ben 929 552 pazienti; di questi, 25 287 avevano avuto un attacco cardiaco, 168 431 avevano valori elevati di pressione arteriosa, 53 055 alti livelli di colesterolo e 68098 avevano diabete di tipo2. I pazienti sono stati divisi tra single, sposati, divorziati o vedovi. I risultati dell'analisi hanno mostrato che, tra coloro che avevano avuto un attacco cardiaco, gli sposati hanno avuto il 14% in più di probabilità di sopravvivenza dopo l' evento rispetto ai single. Il matrimonio si è dimostrato essere un fattore protettivo anche per i pazienti con i principali fattori di rischio cardiovascolare, con un incremento della probabilità di sopravvivenza del 16%, 14% e 10% rispettivamente nei pazienti con alti livelli di colesterolo, diabete ed ipertensione.
Si tratta del primo studio, condotto su larga scala, a dimostrare che il matrimonio esercita un effetto positivo sulla sopravvivenza non solo in seguito ad un attacco cardiaco, ma anche nei soggetti affetti dai principali fattori di rischio cardiovascolare, responsabili di oltre l' 80% degli infarti.
Il Dr Paul Carter, principale autore dello studio, ha affermato - "Avere un coniuge assicura un supporto emotivo e fisico, che va dall'incoraggiamento ad avere uno stile di vita più sano all'aiuto a far fronte alla propria condizione e ad assumere le terapie in modo corretto."

Bibliografia

  • Carter P. Marriage is associated with lower mortality rates in patients with acute coronary syndromes and modifiable cardiovascular risk factors. Poster presentato durante ESC 2017. Disponibile online a questo indirizzo

Livia Gamondi

Redazione

Hai delle domande da porre all'autore?

Vuoi pubblicare un tuo commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

TI PIACCIONO QUESTI ARTICOLI?
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Inserisci i tuoi dati per ricevere gratuitamente la newsletter di anticoagulazione.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa