Un po' di fiacca, fiato corto, meno appetito e magari gambe gonfie, in particolare le caviglie, sono disagi abbastanza frequenti in estate, ma in qualche caso possono essere i segni di un cuore non più in forma e che fatica a pompare il sangue.

Il cuore è un organo infaticabile ed efficiente, ma con gli anni il lavoro che fa ogni giorno può metterlo a dura prova: può sfiancarsi, riuscendo sempre meno a pompare il sangue in circolo e andando incontro a insufficienza cardiaca. Lo scompenso è caratterizzato dall'incapacità del cuore di pompare il sangue in maniera efficace e con la giusta pressione. Il risultato è una ridotta ossigenazione degli organi e dei tessuti del corpo umano e nella compromissione della qualità della vita.

I sintomi tipici sono, il fiato (dispnea) che tende a peggiorare durante un'attività fisica o in posizione distesa e questo provoca disturbi durante il sonno. La persona si sveglia diverse volte e sente il bisogno di alzarsi, perché in posizione eretta la respirazione migliora. L'edema agli arti inferiori, in particolare delle caviglie, è meno marcato al mattino appena svegli, ma peggiora durante la giornata causando pesantezza. Un fastidioso senso di stanchezza rende ogni attività, anche se non impegnativa, una gran fatica.
E poiché i sintomi arrivano un po' per volta e sono più frequenti con l'avanzare dell'età molti danno la colpa all'invecchiamento, invece alla base possono esserci valvole cardiache non più perfettamente funzionanti, o altre patologie come la fibrillazione atriale, l'aritmia, ma anche l'aterosclerosi, l'ipertensione o gli esiti di un infarto.

Per prevenire lo scompenso la cosa migliore da fare è, oltre ad adottare uno stile di vita il più possibile sano, sottoporsi a controlli periodici, elettrocardiogrammi, a partire dai 40 anni, e superati i 60 anni “prestare attenzione ai sintomi” e non pensare che sia una questione di età. In caso di palpitazioni, stanchezza, affaticamento respiratorio senza un apparente motivo è opportuno consultare il medico curante e poi se necessario rivolgersi al cardiologo per individuarne la causa. Dopo i 50, 55 anni bisognerebbe sottoporsi a una prova da sforzo e un'ecocardiografia ogni quattro o cinque anni; inoltre non bisogna mai dimenticare di misurare e tenere sotto controllo la pressione. La diagnosi precoce è importante, perché una volta scoperta la causa il medico può prescrivere la terapia più adatta alla persona.

Lo scompenso si può prevenire, fin da giovani, tenendo sotto controllo tutti i fattori di rischio cardiovascolare: non fumare, evitare comportamenti che possano indurre ipertensione e/o un innalzamento dei livelli di colesterolo, mantenere il peso nella norma, evitare cibi grassi, troppo salati, praticare attività fisica, non abusare di sostanze alcoliche sono i principali accorgimenti preventivi che i medici consigliano per ridurre il rischio di scompenso cardiaco.

Livia Gamondi

Redazione

Hai delle domande da porre all'autore?

Vuoi pubblicare un tuo commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

TI PIACCIONO QUESTI ARTICOLI?
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Inserisci i tuoi dati per ricevere gratuitamente la newsletter di anticoagulazione.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa