L’ipertensione rappresenta un importante fattore di rischio per emorragia cerebrale ed è ben nota l’importanza del controllo della pressione arteriosa nel ridurre il rischio di questa grave patologia.

Tuttavia pochi studi hanno valutato le conseguenze dell’ipertensione non controllata dopo l’insorgenza dell’ emorragia cerebrale. In questo studio, retrospettivo e multicentrico gli autori hanno valutato 490 pazienti con emorragia cerebrale; di questi, 56 avevano una storia di ipertensione non trattata, 314 di ipertensione trattata e 120 erano normotesi. Sono state raccolte le caratteristiche demografiche dei pazienti, l’insorgenza dei sintomi, i segni vitali, i test di laboratorio, le immagini TC, le complicanze e la durata della degenza.

Dopo l’analisi dei dati, sono risultati associati ad un significativo incremento della mortalità intra-ospedaliera i seguenti fattori: l’ipertensione non trattata, l’età ≥ 65 anni, il trattamento domiciliare con 3 o più farmaci antipertensivi ed il volume dell’ematoma ≥ 30 ml. I soggetti con ipertensione non trattata erano più giovani, presentavano meno comorbidità e minore utilizzo di farmaci anticoagulanti e antiaggreganti rispetto ai soggetti con ipertensione trattata. Risultavano più simili ai soggetti normotesi, pur presentando una maggior mortalità intra-ospedaliera in seguito ad emorragia cerebrale.

Questo studio sottolinea pertanto l’importanza del controllo della pressione arteriosa negli individui giovani al fine di individuare prontamente i soggetti ipertesi ed iniziare il prima possibile il trattamento specifico, non solo al fine di ridurre l’insorgenza di una delle più gravi complicanze legate all’ipertensione ma anche la mortalità intra-ospedaliera nel caso in cui la complicanza si manifesti.

Bibliografia
Hevesi M, Bershad EM, Jafari M, Mayer SA, Selim M, Suarez JI, Divani AA. Untreated hypertension as predictor of in-hospital mortality in intracerebral hemorrhage: A multi-center study. J Crit Care. 2017 Sep 6;43:235-239.

Oriana Paoletti

Dirigente Medico presso il Centro Emostasi e Trombosi - Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche degli "Istituti Ospitalieri" di Cremona

Hai delle domande da porre all'autore?

Vuoi pubblicare un tuo commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

TI PIACCIONO QUESTI ARTICOLI?
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Inserisci i tuoi dati per ricevere gratuitamente la newsletter di anticoagulazione.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa